Dichiarazione di non responsabilità
Coffeeshop Relax
Scritto da Coffeeshop Relax
ceppi
5 min min read
La scienza dietro le piante di cannabis che diventano viola

Se hai esperienza con la cannabis, potresti aver notato che alcune piante di cannabis diventano viola dopo un po '. Ma ti sei mai chiesto quale sia la scienza dietro a tutto ciò?

Ci possono essere ragioni ambientali e genetiche in gioco, ma c'è anche la questione se la cannabis viola sia più potente.

 

Genetica

La genetica probabilmente gioca il ruolo più significativo nel trasformare le piante di cannabis in viola. Scientificamente parlando, un gruppo di flavonoidi chiamati "antociani" forniscono pigmenti rossi, blu o viola nelle piante. Possono anche essere trovati in molte diverse verdure e frutta viola e rosse (melanzane e mirtilli, per esempio). È essenziale ricordare che, qualunque cosa tu faccia, se gli antociani nella pianta sono bassi, anche la possibilità che una pianta di cannabis diventi viola è bassa.

Tuttavia, il colore viola non significa automaticamente che la pianta sia più potente. Le piante viola sembrano più attraenti per i clienti, il che ha fatto sì che un numero considerevole di allevatori di cannabis preferisse quelle viola più spesso. Pertanto, il valore percepito rende gli antociani un bonus quando osservi più da vicino la genetica della cannabis.

 

La scienza

La chimica ci ha insegnato che le piante sono verdi a causa della clorofilla, che aiuta con la fotosintesi consentendo alla pianta di convertire la luce solare in energia. Allora, come si forma quella tonalità viola nella cannabis? Durante il ciclo di vita della pianta di cannabis, la produzione di clorofilla si riduce. Ciò consente ad altri composti di manifestarsi. Nel caso delle varietà di cannabis viola, ci riferiamo agli antociani: la pigmentazione verde associata alla clorofilla inizia lentamente a trasformarsi in blu, rossi e viola degli antociani.

 

Il ruolo dell'ambiente

Sapevi che le antocianine aumentano la produzione quando la pianta sente di essere in pericolo? Gli scienziati hanno notato che nei mesi autunnali più freddi, la produzione di clorofilla nelle piante si riduce e inizia l'accumulo di flavonoidi. Nei ceppi con una predisposizione per gli antociani, questo porta al cambiamento di colore.

Gli antociani non vanno bene con le alte temperature; li distrugge! Ciò significa che il mito della "cannabis viola proveniente dal freddo nord" è vero. Anche i livelli di PH giocano un ruolo significativo, in quanto è indicativo della pigmentazione della pianta. Gli ambienti acidi tendono a produrre più rossi e gialli; il viola deriva dalla neutralità del pH e il blu tende ad esprimersi a livelli di pH più elevati.



Potenza

La scienza ha dimostrato che gli antociani potrebbero impedire lo sviluppo del THC. Ciò significa che la convinzione diffusa che la pianta di cannabis viola sia più potente non è affatto vera.

Ma questo non significa che non siano affatto potenti, e nemmeno meno potenti, del resto. Dobbiamo capire che lo sviluppo del THC dipende anche da molti altri fattori ambientali e genetici.