Coffeeshop Relax
Scritto da Coffeeshop Relax
erbaccia
5 min min read
La cannabis può aiutare a preservare la popolazione delle api

Possiamo finalmente festeggiare perché abbiamo notizie incredibili sulla cannabis e le api.

C'è uno studio recente che è stato fatto alla Cornell University ed è stato pubblicato in \ "Entomologia ambientale \", che ha dimostrato che le api adoravano la canapa. C'era anche un altro studio pubblicato l'anno precedente presso la Colorado State University che ha scoperto la stessa cosa, quindi questi risultati si stanno decisamente rafforzando a vicenda! Grazie a questo studio, ora sappiamo che le api sono molto attratte dalla cannabis. Allora qual è la scienza dietro? Il motivo può essere trovato nelle abbondanti riserve di polline della pianta di cannabis. Ora gli scienziati ritengono che questo potrebbe prestare loro aiuto nella ricerca di nuovi modi per sostenere la loro popolazione in difficoltà e le popolazioni floreali.

Questo studio mostra anche che maggiore è l'area coperta da piante di canapa, maggiore è la possibilità che le api vi sciamino. C'è una probabilità significativamente maggiore per le api di sciamare intorno a piante di canapa più alte, quasi 17 volte di più rispetto a piante più corte. C'è stato anche uno strano fenomeno con le api che hanno visitato le piante di canapa. Analogamente agli effetti del passaparola tra gli esseri umani, con il passare del tempo i ricercatori hanno visto che più api sarebbero arrivate su quelle stesse piante di canapa.

Ma i ricercatori dicono che ancora non riescono a dire chiaramente perché la cannabis attiri così tanto le api! Tutte le 16 sottospecie di api nello studio, per essere più precisi. Come già sappiamo, la cannabis non produce il nettare dolce e zuccherino che le tipiche varietà floreali producono per attirare gli insetti. Inoltre, i fiori femminili, preferiti dagli umani per i loro effetti inebrianti e lenitivi, non creano fiori, quindi finiscono per essere completamente ignorati dalle api.

"La rapida espansione della produzione di canapa negli Stati Uniti può avere implicazioni significative per le dinamiche di impollinazione a livello di agroecosistema" - hanno scritto gli autori. "Poiché un raccolto di fine stagione fiorisce durante un periodo di carenza di fiori stagionali, la canapa può avere un potenziale particolarmente forte per migliorare le popolazioni di impollinatori e i successivi servizi di impollinazione per le colture nell'anno successivo, colmando le lacune nella scarsità delle risorse di fine stagione".

L'importanza delle api e le gravi conseguenze dell'estinzione delle api non è una novità a questo punto. Svolgono il ruolo più cruciale nell'impollinazione globale, che si verifica quando diffondono le cellule sessuali maschili dei fiori alle loro controparti femminili in un processo naturale che è estremamente cruciale per la riproduzione delle piante. Ciò dimostra solo l'importanza di questo studio.

Gli autori dello studio hanno anche chiarito che la combinazione di api e canapa non significa che il polline ricco di cannabinoidi lo introdurrà di nascosto nella dieta delle persone. Inoltre, non significa che le api inizieranno mai a produrre miele arricchito con THC. Allo stesso modo, è improbabile che la presenza di cannabinoidi come il THC nel polline di canapa "abbia un impatto sullo sviluppo delle api a causa della perdita dei recettori dei cannabinoidi negli insetti".